Premio PEN Serbia 2014

 

La Presidente Daria Viviani, invitata all’evento, è intervenuta anche alla conferenza – “lectio magistralis” –  di Alice Parmeggiani – tenutosi il giorno stesso presso la “Casa Italia”, complesso architettonico che contiene una sala-conferenze, una sala-mostre, l’Istituto Italiano di Cultura di Belgrado ( http://www.iicbelgrado.esteri.it/iic_belgrado/it/) e l’Istituto per il commercio estero. Erano presenti oltre alle autorità  italiane le autorità serbe, ed in particolare l’Istituto di italianistica dell’Università di Belgrado (http://www.fil.bg.ac.rs/). La Facoltà era rappresentato dal preside e dall’intiero  staff scientifico e, in particolare, da SnežanaMilinković(http://www.maldura.unipd.it/visiting/2016-2017/cv/milinkovic.pdf) prestigiosa interprete della cultura letteraria italiana e traduttrice di Claudio Magris.Segue il comunicato ANSA.

 

Ad Alice Parmeggiani ‘Premio Pen Serbia 2014’ per traduzione

Ha tradotto in italiano Andric, Tisma, Lengold, Kusturica

02 giugno, 09:48

ANSAmed – BELGRADO, 1 GIU – L’italiana Alice Parmeggiani, slavista e traduttrice, è stata insignita del “Premio PEN Serbia 2014” come “miglior traduttrice dal serbo”. Ha ricevuto il premio dalla presidente e scrittrice Vida Ognjenovic, già ambasciatore di Serbia e Montenegro in molti Paesi d’Europa.

Nella sede del PEN Serbia, oltre a Sira Miori, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura a Belgrado e coordinatore regionale per i Balcani occidentali e l’area danubiana, era presente un folto gruppo di scrittori, editori, traduttori, giornalisti, docenti e ricercatori.

Figlia di madre serba e di padre friulano, incontrati a Belgrado nel 1944 nel corso di un’azione di resistenza contro i nazisti, Alice Parmeggiani, dopo la laurea all’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha vinto la cattedra di lingua e letteratura serba e croata all’Università degli Studi di Udine e di Trieste. Da circa vent’anni affianca all’attività didattica e di ricerca un’importante attività di traduttrice, per le più importanti case editrici italiane: da Feltrinelli a Einaudi, a Zandonai, specializzata quest’ultima nella pubblicazione di opere letterarie di scrittori del sud-est dell’Europa.

Di Alice Parmeggiani sono infatti molte le traduzioni in lingua italiana di opere della letteratura serba, che spaziano dai grandi del Novecento come Ivo Andric e AleksandarTima, fino agli autori contemporanei, fra cui David Albahari, DraganVelikic e Jelena Lengold.

Si ricordano in particolare le sue raffinate traduzioni in lingua italiana delle raccolte di racconti di Ivo Andric: “Litigando con il mondo”, “La storia maledetta. Racconti triestini”, “La donna sulla pietra” e “Buffet Titanik”. Le sue traduzioni di “Kapo” di Alexandar Tima, de “La guerra rivoluzionaria jugoslava 1941-1945. Ricordi e riflessioni” di MilovanDjilas, dei romanzi “Goetz e Meyer” di David Albahari, e il recentissimo “Il muro del Nord” di DraganVelikic, hanno avuto grande diffusione in Italia e hanno permesso la conoscenza di questi importanti scrittori serbi.

Di Alice Parmeggiani è pure la traduzione in lingua italiana de “Il mago della fiera” di Jelena Lengold, prima scrittrice serba vincitrice del “Premio dell’Unione Europea per la Letteratura” nel novembre 2011. La traduzione in italiano dell’autobiografia del noto regista Emir Kusturica, pubblicata nel 2011 con il titolo “Dove sono io in questa storia?”, ha permesso un facile e diffuso approccio del grande regista serbo al pubblico italiano.

La premiazione di Alice Parmeggiani è stata preceduta, qualche giorno fa, da una sua conferenza all’Istituto Italiano di Cultura a Belgrado sul tema: “La traduzione come mediazione fra due culture: esperienze e problemi della traduzione letteraria dal serbo all’italiano”, collocata nell’ambito dell’evento “Maggio, mese delle Culture dei Popoli d’Europa”.

L’intervento ha suscitato molto interesse in un pubblico di docenti, editori e studenti serbi e italiani. Partendo da problemi linguistici e tecnici propri della traduzione e della mediazione linguistica e culturale, Alice Parmeggiani ha trattato questa complessa tematica insistendo molto sulla necessità dell’impegno etico oltre che intellettuale del traduttore, che ha il difficile compito, fra l’altro, di trasmettere le chiavi di lettura, il pensiero e il mondo culturale e sociale dello scrittore o del poeta di cui è chiamato a tradurre l’opera.

Oltre all’attività didattica e di traduzione, Alice Parmeggiani ha svolto anche un intenso lavoro di ricerca, in particolare sui rapporti fra le avanguardie letterarie russe, serbe, croate e italiane. Ha pubblicato diversi saggi di riflessione e critica letteraria e ha contribuito a diffondere in Italia la conoscenza delle letterature dei Paesi della regione geografica dei Balcani occidentali, con testi di fondamentale importanza, come il saggio “Scritti sulla pietra. Voci e immagini dalla Bosnia e dall’Erzegovina fra medioevo ed età moderna”, pubblicato nel 2005. Dagli anni Novanta si occupa altresì della formazione di mediatori linguistici e culturali nella scuola. (ANSAmed)

© Copyright ANSA.

 

Associazione Italia-Serbia

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*