XIV Biennale di Architettura

Biennale Architettura 2014

L’abilità di Rem Koolhaas di spaziare tra stili e argomenti è evidente anche all’occhio dei visitatori della XIV Biennale di Architettura.

Analisi dello spazio abitativo nei giardini e analisi dello spazio urbano nell’arsenale, genera un’opera completa, dove l’architettura è esaminata in ogni dettaglio.

Da una parte, l’elemento “casa” viene smembrato e catalogato seguendo una logica di catalogazione degli elementi che la compongono. Qui ogni Paese ricerca nel proprio passato l’evoluzione e l’adattamento dell’abitazione in base alle esigenze del popolo che lo abita. I due padiglioni vincitori, cioè, la Corea del Sud e la Russia analizzano lo stato dell’architettura attuale e propongono soluzioni per il futuro: scene apocalittiche in Russia e un proposito di dialogo con la Corea del Nord.

L’altra parte della Biennale porta il visitatore a riflettere su ciò che è l’architettura oggi, quel che ne rimane del passato. Analizza l’influenza dell’architettura sui comportamenti sociali e di come la società necessita di architettura che rispecchi le sue esigenze.

La serbia ha scelto di analizzare l’ultimo quarto di secolo, focalizzandosi sul mai finito Museo della Rivoluzione. Questo progetto è stato preso come emblema che riassume i cambiamenti avvenuti, sia su campo economico, culturale e architettonico.

 

Associazione Italia-Serbia

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*